Intestazione Padre Giuseppe Puglisi. Sì, ma verso dove?















"Contempliamo il volto di Cristo per metterci nelle sue mani"
Madonna del Sasso 7-13 Agosto 2006

Pensiamo a quel ritratto di Gesù raffigurato nel Duomo di Monreale.
Ciascuno di noi è come una tessera di questo grande mosaico. Quindi tutti quanti
dobbiamo capire qual è il nostro posto e aiutare gli altri a capire qual è il proprio, perché si
formi l'unico volto del Cristo.
(Padre Giuseppe Puglisi)

7 AGOSTO 2006 LITURGIA SERALE

CANTO : SU ALI D’AQUILA

sol7+ re7+ sol7+ re7+ fa7+ sib7+ sol-7 la4 la7
Tu che abiti al riparo del Signore e che dimori alla Sua ombra dì al Signore: “Mio rifugio, mia roccia in cui confido”.
re re7+ mi- la4 la7 la- re7 sol mi- si- fa#- mi-
E ti rialzerà, ti solleverà su ali d’aquila, ti reggerà, sulla brezza dell’alba ti farà brillar come il sole, così nelle sue mani
la4/7 re
vivrai.
sol7+ re7+ sol7+ re7+ fa7+ sib7+ sol-7 la4 la7
Dal laccio del cacciatore ti libererà e dalla carestia che distrugge. Poi ti coprirà con le Sue ali e rifugio troverai.
sol7+ re7+ sol7+ re7+ fa7+ sib7+ sol-7 la4 la7
Non devi temere i terrori della notte nè freccia che vola di giorno. Mille cadranno al tuo fianco ma nulla ti colpirà.
sol7+ re7+ sol7+ re7+ fa7+ sib7+ sol-7 la4 la7
Perchè ai suoi angeli ha dato un comando di preservarti in tutte le tue vie, ti porteranno sulle loro mani contro pietra non inciamperai.
re re7+ mi- la4 la7 la- re7 sol mi- si- fa#- mi-
E ti rialzerà, ti solleverà su ali d’aquila, ti reggerà, sulla brezza dell’alba ti farà brillar come il sole, così nelle sue mani
la4/7 re
vivrai.

Dal Vangelo secondo Giovanni (14, 15-21) Se mi amate, osserverete i miei comandamenti.
Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché egli dimora presso di voi e sarà in voi. Non vi lascerò orfani, ritornerò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi conoscerete che io sono nel Padre mio, e voi in me, e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama. Chi mi ama sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e gli manifesterò me stesso.

RIFLESSIONE DEL SACERDOTE

Salmo 139
Signore, tu mi scruti e mi conosci, tu sai quando seggo e quando mi alzo.
Penetri da lontano i miei pensieri, mi scruti quando cammino e quando riposo.
Ti sono note tutte le mie vie; la mia parola non è ancora sulla lingua e tu, Signore, gia la conosci tutta.
Alle spalle e di fronte mi circondi e poni su di me la tua mano. Stupenda per me la tua saggezza,
troppo alta, e io non la comprendo.
Dove andare lontano dal tuo spirito, dove fuggire dalla tua presenza? Se salgo in cielo, là tu sei, se scendo negli inferi, eccoti.
Se prendo le ali dell’aurora per abitare all’estremità del mare, anche là mi guida la tua mano e mi afferra la tua destra.
Se dico: «Almeno l’oscurità mi copra e intorno a me sia la notte»; nemmeno le tenebre per te sono oscure, e la notte è chiara come il giorno; per te le tenebre sono come luce.
Sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre.
Ti lodo, perché mi hai fatto come un prodigio; sono stupende le tue opere, tu mi conosci fino in fondo.
Non ti erano nascoste le mie ossa quando venivo formato nel segreto,intessuto nelle profondità della terra.
Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi e tutto era scritto nel tuo libro; i miei giorni erano fissati,
quando ancora non ne esisteva uno.
Quanto profondi per me i tuoi pensieri, quanto grande il loro numero, o Dio;
se li conto sono più della sabbia, se li credo finiti, con te sono ancora.
Scrutami, Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri: vedi se percorro una via di menzogna e guidami sulla via della vita. Conclusione e benedizione del Sacerdote

8 AGOSTO Preghiera mattutina

LODATE DIO
Re lam sol re lam mim sol re mim sol re sol
Lodate Dio cieli immensi ed infiniti Lodate Dio cori eterni d'angeli Lodate Dio santi del suo Regno Lodatelo uomini, Dio vi
La sol la sol re
ama! Lodatelo uomini, Dio è con voi!

Salmo 65
A te si deve lode, o Dio, in Sion; a te si sciolga il voto in Gerusalemme. A te, che ascolti la preghiera, viene ogni mortale.
Pesano su di noi le nostre colpe, ma tu perdoni i nostri peccati.
Beato chi hai scelto e chiamato vicino, abiterà nei tuoi atrii. Ci sazieremo dei beni della tua casa, della santità del tuo tempio.
Con i prodigi della tua giustizia, tu ci rispondi, o Dio, nostra salvezza, speranza dei confini della terra e dei mari lontani.
Tu rendi saldi i monti con la tua forza, cinto di potenza.
Tu fai tacere il fragore del mare, il fragore dei suoi flutti, tu plachi il tumulto dei popoli.
Gli abitanti degli estremi confini stupiscono davanti ai tuoi prodigi: di gioia fai gridare la terra, le soglie dell'oriente e dell'occidente.
Tu visiti la terra e la disseti: la ricolmi delle sue ricchezze. Il fiume di Dio è gonfio di acque; tu fai crescere il frumento per gli uomini.
Così prepari la terra: Ne irrighi i solchi, ne spiani le zolle, la bagni con le piogge e benedici i suoi germogli.
Coroni l'anno con i tuoi benefici, al tuo passaggio stilla l'abbondanza. Stillano i pascoli del deserto e le colline si cingono di esultanza.
I prati si coprono di greggi, le valli si ammantano di grano; tutto canta e grida di gioia.

Dal Vangelo secondo Luca 12, 22-31
Poi disse ai discepoli: "Per questo io vi dico: Non datevi pensiero per la vostra vita, di quello che mangerete; né per il vostro corpo, come lo vestirete. La vita vale più del cibo e il corpo più del vestito. Guardate i corvi: non seminano e non mietono, non hanno ripostiglio né granaio, e Dio li nutre. Quanto più degli uccelli voi valete! Chi di voi, per quanto si affanni, può aggiungere un'ora sola alla sua vita? Se dunque non avete potere neanche per la più piccola cosa, perché vi affannate del resto? Guardate i gigli, come crescono: non filano, non tessono: eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Se dunque Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani si getta nel forno, quanto più voi, gente di poca fede? Non cercate perciò che cosa mangerete e berrete, e non state con l'animo in ansia: di tutte queste cose si preoccupa la gente del mondo; ma il Padre vostro sa che ne avete bisogno. Cercate piuttosto il regno di Dio, e queste cose vi saranno date in aggiunta.

Preghiera per il giorno che sta per cominciare (Uno Starec del monastero di Optina)
Signore è l’alba.
Fa che io vada incontro nella pace
A tutto ciò che mi porterà questo giorno.
Fa che io mi consegni totalmente
Alla tua volontà.
Donami in ogni momento la traluce e la tua forza.
In ogni mia azione e parola
Dirigi i miei pensieri ed i miei sentimenti.
Insegnami ad agire con apertura e intelligenza
Verso tutti i miei fratelli
E verso tutti gli uomini
senza mortificare o contristare nessuno.
Guida la m ia volontà,
insegnami a pregare, a credere,
a perseverare, a soffrire, a perdonare...e ad amare. Conclusione e benedizione

9 AGOSTO Preghiera mattutina

Canto d’ingresso : Dove Tu sei
do fa do mi-
Dove Tu sei torna la vita. Dove Tu passi fiorisce il deserto.
fa do sol- re- fa- do
Dove Tu guardi si rischiara il cielo e in fondo al cuore torna il sereno
fa la- do- do
Dove Tu sei, dove Tu sei.

I Samuele 2, 1-10
A te si deve lode, o Dio, in Sion; a te si sciolga il voto in Gerusalemme.
A te, che ascolti la preghiera, viene ogni mortale.
Pesano su di noi le nostre colpe, ma tu perdoni i nostri peccati.
Beato chi hai scelto e chiamato vicino, abiterà nei tuoi atrii. Ci sazieremo dei beni della tua casa, della santità del tuo tempio.
Con i prodigi della tua giustizia, tu ci rispondi, o Dio, nostra salvezza, speranza dei confini della terra e dei mari lontani.
Tu rendi saldi i monti con la tua forza, cinto di potenza.
Tu fai tacere il fragore del mare, il fragore dei suoi flutti, tu plachi il tumulto dei popoli.
Gli abitanti degli estremi confini stupiscono davanti ai tuoi prodigi: di gioia fai gridare la terra, le soglie dell'oriente e dell'occidente.
Tu visiti la terra e la disseti: la ricolmi delle sue ricchezze. Il fiume di Dio è gonfio di acque; tu fai crescere il frumento per gli uomini.
Così prepari la terra: Ne irrighi i solchi, ne spiani le zolle, la bagni con le piogge e benedici i suoi germogli.
Coroni l'anno con i tuoi benefici, al tuo passaggio stilla l'abbondanza.
Stillano i pascoli del deserto e le colline si cingono di esultanza.
I prati si coprono di greggi, le valli si ammantano di grano; tutto canta e grida di gioia.

Dal Vangelo secondo Luca (17, 11-19)
Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza, alzarono la voce, dicendo: "Gesù maestro, abbi pietà di noi!". Appena li vide, Gesù disse: "Andate a presentarvi ai sacerdoti". E mentre essi andavano, furono sanati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce; e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: "Non sono stati guariti tutti e dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato chi tornasse a render gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?". E gli disse: "Alzati e và; la tua fede ti ha salvato!".

Preghiera : Te invoco a mio risveglio (Macario l’egiziano)
Maestro che ama gli uomini, ho fatto ricorso a Te al mio risveglio,
cominciando a compiere quel che la tua grazia mi ha affidato:
assistimi in ogni momento e i ogni cosa,
e preservami da ogni seduzione mondana
e da ogni influsso del demonio.
Salvami
E introducimi nel tuo regno eterno.
Poiché Tu sei il mio Creatore,
la fonte e il dispensatore di ogni bene.
In Te riposa ogni mia speranza
E io ti rendo gloria,
ora e sempre
nei secoli dei secoli amen.
Conclusione e benedizione

9 agosto : Liturgia serale : La Natura espressione di Dio

“Davanti a questo panorama di prati, di boschi, di torrenti, di cime svettanti noi ritroviamo il desiderio di ringraziare Dio per le meraviglie delle sue opere. Vogliamo ascoltare in silenzio la voce della natura al fine di trasformare in preghiera la nostra ammirazione. Queste montagne, infatti, suscitano nel cuore il senso dell’infinito, con il desiderio di sollevare la mente verso ciò che è sublime. Queste meraviglie le ha create lo stesso autore della bellezza….”
“Cari amici, conservate sempre vivi nell’animo l’amore e l’ammirazione per la natura, che tanta serenità infonde in chi sa riconoscervi i segni della magnanimità del Signore e della sua Provvidenza misericordiosa…”
“Davanti alla maestà dei monti, siamo spinti ad instaurare un rapporto più rispettoso con la natura. L’uomo contemporaneo, quando si lascia affascinare da falsi miti, perde di vista le ricchezze e le speranze di vita racchiuse nel creato, mirabile dono della Provvidenza divina per l’intera umanità.”
(Giovanni Paolo II)

Canto : Cantate al Signore
La Fa#- Re Mi La Fa#- Re La
Alleluia! Alleluia! Alleluia! Alleluia!
La Mi La7 Re La Do#7 Fa#- Mi7
Cantate al Signore un cantico nuovo, tutta la terra canti al Signore
La Mi La7 Re La do#7 Fa#- Mi
Per tutta la terra Si è accesa una luce, uomini nuovi cantano in cor:
La Mi La7 Re La mi Re
Un cantico nuovo di gioia infinita, un canto d’amore a Dio fra noi – Alleluia
La Mi La7 Re La Do#7 Fa#- Mi7
Un coro di voci s’innalza al Signore, Re della vita, luce del mondo.
La Mi La7 Re La do#7 Fa#- Mi
Discende dal Cielo un fuoco d’amore, il Paradiso canta con noi:

Durante il canto entrano due bambini che portano i segni della terra e dell’acqua

Lettura : Genesi 1, 1-2; 11-12
In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. Dio disse: "Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto". E così avvenne. Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: "La terra produca germogli, piante che facciano semi e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie. E così avvenne. La terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona.

Preghiera : O Dio al centro di tutto l’universo
Dio nostro, Tu sei al centro di tutto e tutto circondi. Tutto si curva al tuo passaggio:
gioie, progressi, dolori, fallimenti, errori, opere, preghiere, bellezze,
potenze del cielo, della terra e degli inferi. E tutto mette la propria energia al servizio del tuo Spazio divino
E da esso tutto è pervaso con potenza. Tu non distrutti le cose e neppure le forzi.
Le liberi, le orienti, le trasfiguri, le animi. Non le abbandoni, ma ti appoggi su di loro,
e avanzi trascinando con Te ciò che in loro è santo. Donaci la purezza di cuore, la fede, la fedeltà,
perché con questi doni si costruisce la nuova terra, e si vince il mondo in Gesù Cristo nostro Signore.
(Pierre Teilhard de Chardin)

Canto : Dove Tu sei
do fa do mi-
Dove Tu sei torna la vita. Dove Tu passi fiorisce il deserto.
fa do sol- re- fa- do
Dove Tu guardi si rischiara il cielo e in fondo al cuore torna il sereno
fa la- do- do
Dove Tu sei, dove Tu sei.
Durante il canto entrano due bambini che portano i segni
del fuoco e dell’aria
Lettura : Genesi 1, 3-5
Dio disse: "Sia la luce!". E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno.

Canto : Padre Nostro
Conclusione e benedizione

10 Agosto Preghiera mattutina

Canto di ingresso : CANTO LA TUA GLORIA

Canto la tua gloria, Dio della vita: cantano i secoli per te!
Canto la tua gloria, Dio dell’amore: Signore della verità!
Mai cesserò di cantare per te! E canterò la tua bontà,
la tua pazienza di Padre che vede e comprende, e la tua forza che mi sostiene. Alleluia!

Salmo 8
O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra: sopra i cieli si innalza la tua magnificenza.
Con la bocca dei bimbi e dei lattanti affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, per ridurre al silenzio nemici e ribelli.
Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cosa è l'uomo perché te ne ricordi e il figlio dell'uomo perché te ne curi?
Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato: gli hai dato potere sulle opere delle tue mani, tutto hai posto sotto i suoi piedi;
tutti i greggi e gli armenti, tutte le bestie della campagna; Gli uccelli del cielo e i pesci del mare, che percorrono le vie del mare.
O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra.

Dal Vangelo secondo Giovanni (12, 24-26)
In verità, in verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorerà.

Preghiera : Mio Dio (Benedizione ebraica al momento del risveglio)

Mio Dio,
l’anima che hai messo in me
è pura; Tu l’hai creata,
Tu l’hai soffiata in me
E Tu la custodisci dentro di me.
Tu la riprenderai da me
E me la restituirai in un futuro a venire :
tutto il tempo in cui l’anima
è dentro di me, io ti ringrazio,
o Signore mio Dio e Dio dei miei padri.
Benedetto Tu, o Signore,
che restituisci le anime ai corpi morti.

Conclusione e benedizione

Webmaster: Rosaria Cascio
Sito accessibile

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!