Intestazione Padre Giuseppe Puglisi. Sì, ma verso dove?















Torna a Testimonianze

Montemarciano Montemarciano  
Montemarciano Montemarciano  

Introduzione di Rosaria Cascio
3P ha iniziato il suo servizio pastorale a Palermo. Qui ha trovato gli stessi bisogni che, in ogni luogo ed in ogni tempo, si trovano nelle città disagiate. Ancora nelle periferie delle grandi città si trovano bisogni uguali a quelli che sussistono nella nostra città. Cambia, però, il rapporto che la gente ha con il bisogno. Nel Sud il BISOGNO non è percepito come DIRITTO ma come favore per il quale occorre dare qualcosa in CAMBIO. Questo genera CLIENTELISMO cioè l’humus sul quale si fonda la MAFIA con la sua mentalità. La MAFIA è radicata nel sottosviluppo perché controlla il territorio. Ogni azione di contrasto alla MAFIA è da questa combattuta. Ogni azione positiva e di PROMOZIONE del BENESSERE UMANO e del TERRITORIO (AMBIENTE) è percepita dalla mafia come CONTRARIA e quindi da bloccare in ogni modo.
In questo quadro si inserisce il prete 3P che sin dall’inizio del suo servizio opera per la PROMOZIONE DEL TERRITORIO e dell’ UOMO attraverso la predicazione fattiva del messaggio evangelico.
Esercitava il suo ministero lungo due direzioni : impegno sociale e formazione giovanile

MARILENA Barbera
“i cristiani non devono abbassare la testa all’autorità civile, ma devono assumere nei confronti di questa un atteggiamento di contestazione quale fu quello di Cristo. La sua azione fu infatti tanto rivoluzionaria da sovvertire l’ordine di una società fondata su basi non cristiane.” P.Puglisi

ROSARIA
Esercitava il suo ministero lungo due direzioni : impegno sociale e formazione giovanile

FILIPPO Barbaccia
Esperienza sociale del gruppo di volontariato impegnato negli anni 70 nelle borgate Decollati e Scaricatore e guida spirituale da padre di P.Puglisi. Esperienza parrocchiale di 3P a Godrano (1970/1978)

MARILENA
“coloro che si dedicano al volontariato non devono essere spinti solo dal sentimento ma da un reale desiderio di aiutare il prossimo, non si iuta l’altro per autogratificarsi, per sentirsi meglio, ma per mostrare quel reciproco amore che esiste tra l’uomo e Dio. Aiutare il prossimo significa mettere in pratica quei valori contenuti nel Vangelo. Non dobbiamo aiutare a parole ma con i fatti. P.Puglisi

ROSARIA
I giovani e la formazione ai valori è un'altra dimensione del servizio di 3P. Nei giovani riscontrava la mancanza di valori ma la contemporanea ricerca da parte loro. Con loro poneva il problema fondamentale dell’esistenza attraverso LA DOMANDA :”Che senso ha la mia vita?”. Da questa ricerca di senso prendono il via i campi vocazionali di 3P ed Agostina iniziati con una mostra sul senso della vita visitata da più di 14.000 persone e tra questi moltissimi giovani. Ad essi vengono avanzate proposte formative ai valori della testimonianza cristiana ed ognuno di loro, oggi, è impegnato nel sociale e nella cultura secondo la propria attitudine.

ROSY Tinnirello
I campi vocazionali e la propria esperienza di conoscenza di 3P e di casa famiglia come coppia.

MARILENA
“Un compito specifico rimane la continua promozione dei singoli volontari a far prendere coscienza del dovere della carità, diventando stimolo verso i poteri pubblici perché rispondano con efficienza ai loro compiti naturali di promozione dell’uomo”. P.Puglisi

ROSARIA
Formazione alle vocazioni ma non unicamente alla vita consacrata. Libertà di scelta per essere ognuno presenza attiva secondo le proprie attitudini, anche quelle minime.


MARILENA
“Pensiamo a quel ritratto di Gesù raffigurato nel Duomo di Monreale. Ciascuno di noi è come una tessera di questo grande mosaico. Quindi tutti quanti dobbiamo capire qual è il nostro posto e aiutare gli altri a capire qual è il proprio, perché si formi l'unico volto del Cristo.” P.Puglisi

FRANCESCA Badalamenti
Vocazione al matrimonio. Suo significato ed esperienza di coppia oggi impegnata nella pastorale matrimoniale.

MARILENA
Il discepolo di Cristo è un testimone. La testimonianza cristiana se va incontro a difficoltà, può diventare martirio. Ricordate San Paolo: "Desidero ardentemente persino morire per essere con Cristo". Ecco, questo desiderio diventa desiderio di comunione che trascende persino la vita.
Dobbiamo stare molto attenti perché non ci si fermi alle proteste, ai cortei, alle denunce. Certamente queste cose valgono, però, se ci si ferma solo qui, sono parole soltanto. Le parole devono essere convalidate dai fatti.
Attenzione! Bisogna rimboccarsi le maniche e agire.
Cerchiamo di aiutare i bambini, i preadolescenti... forse gli adolescenti... più difficile i giovani e gli adulti... cerchiamo di lanciare una corda per tirare qualcuno fuori dalla palude...
E' soltanto un "segno" per dare dei modelli di comportamento, per cercare di muovere l'ambiente, perché a poco a poco si senta coinvolto. Non pensiamo di risolvere i problemi di Brancaccio. E' soltanto per dire: «Dato che non c'è niente, vogliamo rimboccarci le maniche e dire che si può fare qualcosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto». P. Puglisi

Webmaster: Rosaria Cascio
Sito accessibile

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!